News
Apr 26, 2019

Echi di storia nel tunnel

Il valico del San Gottardo, che unisce l’Italia alla Svizzera, è il frutto di un’impresa titanica che ha visto il sacrificio di tantissimi uomini. La sua costruzione durò dieci anni.

La galleria di 15 chilometri che collega Airolo  in Ticino a Göschenen nel canton Uri venne costruita tra il 1872 e il 1882 da Svizzera, Germania e Italia, ad opera della "Entreprise du Grand Tunnel du Gothard" di cui era titolare il ginevrino Louis Favre.

L’epica impresa, costata la vita di duecento persone, è celebrata oggi sia con un monumento all’ingresso del tunnel sul piazzale antistante la stazione ferroviaria di Airolo che con un apposito museo, il “Sasso San Gottardo”.

Così il sito specializzato ticinotopten.ch descrive il sito: "Due musei in uno e un’esperienza unica al mondo, che permette di camminare per chilometri nel cuore delle Alpi in gallerie scavate durante la Seconda Guerra Mondiale. Da una parte, il Museo Sasso San Gottardo guarda al passato recente, proponendo la visita alle fortificazioni militari del ventesimo secolo. Dall’altra ci proietta nelle sfide future della Svizzera (e del mondo) con i temi della meteorologia e del clima, nonché quelli della gestione sostenibile dell’acqua, della mobilità, dell’habitat, dell’energia e della sicurezza.”

In questa suggestiva scenografia ipogea alcune gallerie percorse nel passato da minatori e soldati, diventano oggi luoghi di cultura e di memoria per condividere con i turisti che entrano letteralmente “nel cuore dell’Europa” emozioni e riflessioni sia storiche che sociali anche attraverso l’uso creativo della Luce.

Su commissione del cliente Moving Light Design i grafici di Goboservice hanno riprodotto sui gobos, montati poi su proiettori a Led Coemar “P White 5600 K”, 4 immagini dell’epopea costruttiva della galleria: una macchina artigianale utilizzata dai minatori, il primo sciopero degli operai svizzeri, un medaglione dell’imprenditore Louis Favre e una istantanea dell’inaugurazione del traforo.

Non è la prima volta che Goboservice “scende in grotta” con le sue proiezioni. Le pareti di granito del San Gottardo già sono state utilizzate per altre proiezioni che hanno… gettato luce sul passato e sul futuro di un angolo cruciale di Europa.

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Mercoledì, 22 Maggio 2019 08:10